Pubblicato un interessante studio comparativo sulle cause dell’abbandono dei minori , le sue conseguenze , le differenze di legislazione in materia e gli strumenti di prevenzione in atto nei diversi paesi europei

Una ricerca dell’Università di Nottingham ha analizzato nel dettaglio la situazione in Bulgaria , Repubblica Ceca , Danimarca, Francia ,Ungheria, Lituania , Polonia, Romania , Slovacchia e Regno Unito. E’ così possibile avere una panoramica del fenomeno dell'abbandono dei bambini in Europa e degli strumenti messi in atto per la sua in questi 10 paesi.

Tutti hanno ratificato la Convenzionedelle Nazioni Unite sui diritti del fanciullo, le definizioni e le leggi generali del benessere dei bambini concordano, dunque,  sugli stessi principi . Ciò nonostante, le disposizioni di legge in materia di abbandono dei bambini , come ad esempio la perdita  della potestà genitoriale, le conseguenze giuridiche dell’abbandono dei bambini, nonché la normativa finalizzata alla prevenzione dell'abbandono infantile differisce da un paese all'altro . Ad esempio , è vietato in alcuni paesi, come il Regno Unito , rinunciare alle proprie responsabilità genitoriali senza prima aver assunto formalmente delle misure di protezione sostitutive  ( affido, adozione) . In altri paesi, invece, come la Francia, la madre può partorire in forma anonima, rinunciando alla potestà genitoriale senza che sia già previsto l’inserimento in una famiglia sostitutiva; od altri paesi ancora come l’Ungheria , la Lituania o la Poloniadove i bambini vengono lasciati nelle cosidette "scatole del bambino .

Nella prima parte , viene offerta una panoramica generale del fenomeno e delle diverse misure volte alla prevenzione dell'abbandono infantile: vengono analizzati i fattori che aumentano il rischio di abbandono dei bambini , ma anche gli sforzi e le iniziative intraprese nei diversi paesi europei per la prevenzione dell'abbandono ( coordinamento delle attività per la prevenzione dell'abbandono nei reparti di maternità e negli ospedali in Romania , ecc . ) .

La seconda parte della ricerca è dedicata, invece, ad uno studio dettagliato delle modalità attuate da ciascun paese per affrontare l'abbandono infantile . I ricercatori analizzano la situazione di ciascun paese sulla base di una corposa serie di dati statistici . Viene presentata la legislazione in vigore sull’abbandono, le cause di abbandono dei bambini, le migliori prassi ed i problemi che il paese deve affrontare . Questi dati vengono poi analizzati e confrontati con la situazione e il contesto specifico del paese interessato . La ricerca sul campo è stata condotta anche all’interno di reparti di maternità , cliniche pediatriche ed ospedali per raccogliere informazioni specifiche e concrete sulle cause e il contesto in cui i bambini vengono abbandonati . Si può così apprendere il numero di bambini abbandonati per i quali madre non ha lasciato identità o il numero di madri che accettano di firmare le carte per l'adozione del bambino prima della dimissione ospedaliera . Sono presentati anche altre possibili situazioni per le quali è possibile arrivare ad un abbandono di minori, come i genitori con dipendenza da alcol o droghe , o le adolescenti madri prive del sostegno familiare con  le relative statistiche. La ricerca fornisce, poi, un elenco di buone pratiche in atto per la prevenzione del fenomeno di abbandono e dei servizi offerti alle famiglie per fornire loro il supporto necessario in modo che possano continuare ad esercitare la potestà genitoriale  (ad es. il sostegno alla costruzione della relazione padre-figlio in Polonia , ecc . ) .

Infne, le tabelle riportate in appendice indicano se i reparti di  maternità offrono  servizi mirati alla prevenzione dell’abbandono come la presenza di operatori sociali , o meno.

Per leggere la ricerca vai nella sezione del sito risorse - apprendere dai paesi stranieri- o clicca qui